Home arrow News arrow Latest arrow Mercoledì 19 aprile - Giorgio Costa al pianoforte

Casa della Musica | Friday 28 July 2017
Struttura
Servizio Casa della Musica
Amministrazione trasparente
La sede
Uffici e Persone
Info
Servizi
Biblioteca Mediateca
Archivio Teatro Regio
Museo dell'Opera
Museo Arturo Toscanini
Casa del Suono
Laboratorio di Elettroacustica (Label)
Attività
Didattica
Parlare di Musica (LaDiMus)
I Concerti della Casa della Musica
Masterclass e Workshop
Quelle sere al Regio ...
Traiettorie
Mostre
Convegni
Libri e CD
Voci parallele
Concerti sotto le stelle
Children's Corner
Concerti aperitivo
Cinema alla Casa della Musica
Link
Link Casa della Musica
News
 
 
 
Mercoledì 19 aprile - Giorgio Costa al pianoforte PDF Stampa E-mail

 giorgio costaLa X Edizione della Rassegna "I Concerti di Primavera", articolata manifestazione proposta dal Circolo musicale Ferruccio Busoni, promossa da numerosi organismi pubblici e privati, prevede quattro appuntamenti presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica all’insegna dei grandi compositori con la partecipazione di giovani talenti internazionali.

Il secondo Concerto, Mercoledì 19 Aprile con inizio alle ore 21, propone Giorgio Costa al pianoforte, con un programma impegnativo ed affascinante: due magnifiche sonate del compositore-genio di Bonn, Ludwig van Beethoven oltre a quattro, tra notturni e ballate, del compositore polacco Frederic Chopin.

L’esibizione musicale si aprirà con la sonata op 109 nella quale il primo movimento (vivace, ma non troppo) appare fluttuante, vario, avveniristico per poi sfociare nel secondo tempo, un prestissimo meravigliosamente unitario e stringato solidamente impiantato nella temperie espressiva cavalieresca e appassionata di un Romanticismo già schumanniano. Nell’opera 81 "Les Adieux" che concluderà la prima parte del concerto, emerge una timbrica sobria e contenuta; la sonata si apre con un pensoso Adagio introduttivo, con subito all'inizio il breve inciso discendente che verrà ripreso e trasformato nel seguente Allegro, una pagina espressivamente agitata, mirabile per la perfetta, concentrata organizzazione del materiale musicale. Il centrale Andante espressivo riprende la sobrietà di scrittura del primo movimento (ed anche diversi spunti ritmici e melodici), contrapponendo un motivo breve e incisivo e una tenera frase cantabile. Una breve e agitata transizione conduce al Finale (Vivacissimamente), dove si impone una scrittura più estrosa e brillante.

La seconda parte dell’esibizione del pianista valdostano sarà completamente dedicata a Chopin e alle eterne emozioni che i notturni e le ballate dei grande maestro della musica romantica riesce a suscitare.

La Rassegna concertistica è realizzata con il Patrocinio del Comune di Parma, Assessorato alla Cultura - Casa della Musica, il sostegno della Regione Emilia Romagna ed altri Partner di rilievo, ed è inserita nel ricco calendario di iniziative offerte per la celebrazione dei 2200 anni di Fondazione della Città di Parma.

Diplomatosi sotto la guida di E. Occelli con il massimo dei voti al Conservatorio G. Verdi di Torino nel 1977, Giorgio Costa, segue corsi di perfezionamento con Alberto Mozzati e con Fausto Zadra all’Ecole Internationale de Piano di Losanna. Nel 1980 partecipa ai corsi dell’Accademia Chigiana di Siena, nella classe di Riccardo Brengola. Quindi il desiderio di attingere ad un magistero musicale fondato su premesse storico-filosofiche lo indurrà a frequentare, dal 1985, i corsi di Fenomenologia della musica tenuti da Sergiu Celibidache all’Università di Magonza. Nel 1988 prende parte alla Master Class diretta da Murray Perahia a Firenze.

Si evidenzia intanto la sua vocazione di solista votato al repertorio classico, che coltiva anche nell’ambito cameristico, ove spazia dai clavicembalisti ai contemporanei, con particolare riguardo ai grandi autori dell’età romantica. La sua attività concertistica diviene intensa ed estesa, riscuotendo consensi di pubblico e di critica. Ne danno testimonianza i frequenti inviti che gli giungono da prestigiosi organismi musicali, sia italiani che stranieri. Ha infatti preso parte a tournées in tutta Europa, Asia e America. Gli si aprono così le porte di rinomati Festival internazionali, come ad Alghero e a Remagen-Coblenza, o di sale riservate, come il Gasteig di Monaco di Baviera o di onorate istituzioni culturali, come a Stoccarda, Bruxelles, Losanna, Berna. Ne sono conseguenza la dilatazione del nome di questo pianista italiano e il riconoscimento della peculiarità del suo stile e del suo gusto interpretativo.

"Giorgio Costa è uno dei pochi pianisti importanti del nostro tempo, capace di entrambe le cose: lo straordinario virtuosismo esercitato sulla tastiera e la duttilità del sentimento che ridesta il suono dallo spartito"

(da Stadt Remagen, 14 aprile 1997)

"Con Beethoven e Chopin il pianista torinese ha dato prova di signorilità interpretativa esponendo le proprie ragioni musicali con una verità artistica calibrata"

(La Provincia, 21 maggio 1994)

 

Il Circolo didattico musicale Ferruccio Busoni è un’Associazione di cantanti e musicisti nata a Scandiano (Reggio Emilia) nel 2001, con lo scopo di diffondere la musica classica e la musica lirica. Organizza la manifestazione "I Concerti di Primavera" dal 2002 ed il Festival "Invito All’Opera" dal 2008; dal 2011 ha aperto la omonima scuola di musica presso la sede dell’Associazione, dal 2005 ha allestito e rappresentato circa 200 opere liriche con il sostegno di Istituzioni pubbliche e private.

 

Info e prenotazioni:

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Ingresso € 10.00

Ridotto Soci Coop: € 8.00

Casa della Musica - P.le San Francesco, 1 (Parma), Tel.0521/031170

  Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 
< Prec.   Pros. >
 
   
     

 
Fondazione CariParma Fondazione Monte di Parma
© 2017 Casa della Musica
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.