Home arrow News arrow Latest arrow Giovedì 26 e Martedì 31 luglio 2018 -Cinema Serenade. Il grande cinema incontra la musica da camera.

Casa della Musica | Sunday 16 December 2018
Struttura
Settore Casa della Musica
Amministrazione trasparente
La sede
Uffici e Persone
Info
Servizi
Biblioteca Mediateca
Archivio Teatro Regio
Museo dell'Opera
Museo Arturo Toscanini
Casa del Suono
Laboratorio di Elettroacustica (Label)
Attività
LE VOCI DELLA TERRA
PIZZETTI 2018
Didattica
I Concerti della Casa della Musica
Quelle sere al Regio ...
Traiettorie
Mostre
Convegni
Libri e CD
Voci parallele
Concerti sotto le stelle
Children's Corner
Cinema alla Casa della Musica
Link
Link Casa della Musica
News
 
 
 
Giovedì 26 e Martedì 31 luglio 2018 -Cinema Serenade. Il grande cinema incontra la musica da camera. PDF Stampa E-mail
locandina eventoDue appuntamenti dedicati ai grandi compositori di musiche da film caratterizzeranno la minirassegna presso il Cortile d’Onore della Casa della Musica giovedì 26 luglio e martedì 31 luglio alle ore 21.00 dal titolo “CINEMA SERENADE – Il grande cinema incontra la musica da camera”, a cura dell’ Assessorato alla Cultura del Comune di Parma – Casa della Musica in collaborazione con l’Associazione Salotti Musicali Parmensi.

Le due serate dedicate all’ascolto di temi immortali tratti da opere cinematografiche che hanno segnato la storia, saranno proposti in una versione d’autore che li rende piccoli gioielli della musica da camera. Il primo appuntamento - Da César Franck ai capolavori di John Williams - giovedì 26 luglio, prevede la prima parte dedicata ad una delle figure più importanti della vita musicale francese  della seconda metà del 1800; la seconda parte sarà un omaggio al famoso compositore statunitense, autore di celebri colonne sonore. Sul palco Marco Bronzi al violino e Simone Pedroni al pianoforte.
Martedì 31 luglio, il secondo appuntamento - Il grande cinema incontra la musica da camera: Nino Rota, Morricone e il grande cinema americano - offrirà l’occasione di riascoltare brani famosissimi che ricondurranno a celeberrimi titoli di film. I brani saranno interpretati da Marco Bronzi al violino, Corrado Giuffredi al clarinetto, Silvia Chiesa al violoncello e Cristiano Burato al pianoforte. In entrambe le serate si affiancheranno, come piccoli camei, composizioni del repertorio cameristico classico a suggerire, quasi in controluce, i riferimenti stilistici ai quali hanno attinto i grandi compositori di colonne sonore: giganti quali Nino Rota, Ennio Morricone, John Williams, Bernard Herrmann, Henry Mancini, Michel Legrand.
L’ingresso per entrambi gli appuntamenti è libero fino ad esaurimento posti disponibili.

Per informazioni:
Casa della Musica - Piazzale San Francesco, 1 - 43121 Parma - tel. 0521 031170;
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


MARCO BRONZI  violino
Diplomato a Parma all’età di 18 anni col massimo dei voti ha poi conseguito la laurea di II livello in musica da camera con 110, lode e menzione d’onore e si è perfezionato alla Scuola di Musica di Fiesole – con borsa di studio quale miglior allievo dei corsi - e alla Rubin Academy di Tel Aviv con Yair Kless. Vincitore di diversi concorsi nazionali solistici e di musica da camera ha intrapreso una brillante carriera che l’ha portato ad esibirsi in tutto il mondo in varie formazioni cameristiche e prestigiose orchestre sinfoniche sotto la direzione di alcuni fra i massimi direttori d’orchestra quali L. Maazel, Y. Temirkanov, R. Muti, R. .de Burgos, G..Pretre, Z., K..Masur e M.Rostropovich. E’ membro dei Solisti Veneti e svolge attività cameristica in varie formazioni. E’ primo violino di Spalla della neonata e innovativa orchestra "Filarmonica dell’Opera Italiana -FOI -Bruno Bartoletti”con sede a Parma e Reggio Emilia. E’ il direttore artistico della rassegna Salotti Musicali Parmensi e docente di violino al Conservatorio “Claudio Monteverdi” di Bolzano.

CRISTIANO BURATO, pianforte
Considerato a livello internazionale uno dei maggiori pianisti della sua generazione, si è diplomato con lode e menzione d’onore al Conservatorio di Mantova con Rinaldo Rossi e, sempre con lode, all’Accademia di S. Cecilia di Roma con Sergio Perticaroli. Dopo aver vinto importanti premi in concorsi pianistici, tra cui il “Sydney International Piano Competition”, il “World Piano Competition” di Londra, il Leeds International Piano Competition, si è imposto definitivamente sulle scene internazionali con la vincita del prestigioso Concorso “Dino Ciani - Teatro alla Scala” di Milano, con verdetto unanime della Giuria presieduta da Riccardo Muti. Si è esibito in importanti sale da concerto (“Teatro alla Scala” di Milano, Teatro Olimpico e Parco della Musica di Roma, “Sydney Opera House”, “Royal Festival Hall” e “Wigmore Hall” di Londra, “Konzerthaus” di Vienna, Tonhalle di Zurigo, Auditorium delle Nazioni Unite di New York, Queen’s Hall di Edinburgo, ecc.) Ha effettuato registrazioni per la RAI, la BBC di Londra,  Radio France,  la ABC of Australia, la NDR di Hannover, oltre che per diverse case discografiche. E' docente presso il Conservatorio di Bolzano ed  è  membro del Comitato Artistico del Concorso “Busoni”. Per meriti artistici è stato premiato con Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana.


SILVIA CHIESA, violoncello
La violoncellista Silvia Chiesa è tra le interpreti italiane più in vista sulla scena internazionale.
Ha contribuito in modo decisivo al rilancio del repertorio solistico del novecento italiano. E’ stata la prima italiana a registrare il Concerto per violoncello di Mario Castelnuovo-Tedesco: il cd, pubblicato da Sony Classical, esce nel 2018 in occasione del 50° anniversario della morte del compositore e comprende anche i Concerti per violoncello di Riccardo Malipiero (prima registrazione mondiale) e di Gian Francesco Malipiero, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Massimiliano Caldi. Del progetto discografico fanno parte altri due cd con musiche di Pizzetti, Rota, Casella e Respighi.Dedicataria di composizioni solistiche con orchestra di Azio Corghi e Matteo D'Amico, è stata scelta da compositori come Gil Shohat, Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall'Ongaro, Peter Maxwell Davies, Giovanni Sollima, Gianluca Cascioli e Ivan Fedele per prime esecuzioni di loro opere.Come solista si è esibita con l’Orchestra Nazionale della Rai, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra della Toscana, la Royal Philharmonic Orchestra, i Solisti di San Pietroburgo, l’Orchestra di Rouen e la Sinfonica di Cracovia. Con il pianista Maurizio Baglini ha all'attivo più di duecento concerti in tutto il mondo e ha registrato per Decca le Sonate di Schubert, Brahms e Rachmaninov.E’ artista residente dell’Amiata Piano Festival e docente al Conservatorio “Monteverdi” di Cremona.Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

CORRADO GIUFFREDI, clarinetto
Diplomato al Conservatorio di Parma con il massimo dei voti e la lode, dal 2003 è primo clarinetto solista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Con l’Orchestra Filarmonica della Scala ha partecipato a numerosi concerti nei festival internazionali più prestigiosi sotto la direzione di Riccardo Muti e Daniel Baremboim. Nel 2010 si è esibito per la prima volta in Israele su invito del Maestro Giora Feidman al festival “Klezmer in Galilea”. Ha eseguito in prima esecuzione italiana il concerto per clarinetto e orchestra di Krzistof Penderecki. Nel repertorio cameristico vanta importanti collaborazioni con musicisti quali Martha Argerich, Boris Belkin, Larry Combs, Eddie Daniels, Andrea Griminelli, Alexander Lonquich, Federico Mondelci, Ricardo Morales, Danilo Rossi, Hansjorg Shellenberger, Rino Vernizzi, Silvia Chiesa, Maurizio Baglini, Giampaolo Bandini, Cesare Chiacchiaretta, Enrico Fagone, Quartetto Savinio e l’Ensemble Strumentale Scaligero. Ha registrato numerose composizioni del repertorio clarinettistico per Emi, Decca, Brilliant, Arts, Aura, Tactus, Foné e RaiTrade. Recentemente su invito di Cecilia Bartoli ha eseguito le Variazioni di Rossini al Festival di Pentecoste di Salisburgo con i Barocchisti diretti da Diego Fasolis. Suona un clarinetto progettato per lui da Morrie Backun.

SIMONE PEDRONI, pianoforte
Simone Pedroni, allievo di Piero Rattalino al Conservatorio "G. Verdi" di Milano e di Lazar Berman e Franco Scala all'Accademia "Incontri col Maestro" di Imola, nel 1993 vince la Gold Medal al Concorso Van Cliburn in Texas. Da allora è stato solista con alcune tra le più importanti orchestre del mondo ed ha collaborato con direttori come Sir Yehudi Menuhin, Zubin Mehta, Riccardo Chailly, Vladimir Ashkenazy, V.Spivakov, E.Inbal, S.Skrowachevsky, G.Noseda, R.Abbado, A.Manacorda, O.Caetani, L.Slatkin. Si è esibito al Teatro alla Scala di Milano, alla Carnegie Hall di New York, alla Herkulessaal di Monaco, alla Filharmonia Narodowa di Varsavia, al Teatro Colòn di Buenos Aires e in numerosi concerti negli Stati Uniti d’America, Giappone e Cina. Luis Bacalov ha scritto per Pedroni, su commisione dell’Orchestra Verdi di Milano, un Concerto per Pianoforte e Orchestra, eseguito da Pedroni con sul podio l’autore. Dal 2007 al 2016 è stato artista in residence dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi con cui nel settembre 2015 ha debuttato come direttore ottenendo un grandissimo successo. È direttore artistico dell’Alagna Music Festival che si tiene ogni anno ai piedi del Monterosa. Ha inciso per Philips-Classics, per la Bottega Discantica, per LOL (Labour of Love). Per DECCA ha inciso il Concerto in mi di Nino Rota con Giuseppe Grazioli e l’Orchestra Verdi di Milano. Di recentissima pubblicazione per Varèse Sarabande l’album John Williams Themes and Transcriptions for piano, album personalmente supervisionato ed approvato dal compositore americano.

 
< Prec.   Pros. >
 
   
     

 
Fondazione CariParma Fondazione Monte di Parma
© 2018 Casa della Musica
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.