Il Don Carlo di Verdi con un cast d’eccezione

L’opera viene prodotta in forma di concerto, a porte chiuse, per il progetto OperaStreaming.

DonCarlo_ph©RolandoPaoloGuerzoni.jpg

" Ad un anno dalla scomparsa di Mirella Freni, mancata il 9 febbraio scorso, il Teatro Comunale di Modena dedica il Don Carlo a lei e al marito Nicolai Ghiaurov, memorabili interpreti di quest’opera nei più grandi teatri e amati cittadini modenesi"


Sabato 6 febbraio 2021 ore 20: trasmissione video sul canale Youtube di OperaStreaming

Don Carlo

Versione in 4 atti 1884 in forma di concerto

 Musica di Giuseppe Verdi

Libretto di Joseph Méry e Camille du Locle

dalla tragedia Don Karlos, Infant von Spanien di Friedrich Schiller

Traduzione italiana di Achille De Lauzières e Angelo Zanardini

Prima rappresentazione assoluta della versione originale in cinque atti:

Parigi, Theatre de l’Academie Imperiale de Musique, 11 marzo 1867

Prima rappresentazione della versione italiana in quattro atti: Milano, Teatro alla Scala, 10 gennaio 1884

Edizioni Universal Music Publishing Ricordi srl, Milano

 

Filippo II, Re di Spagna Michele Pertusi

Don Carlo, Infante di Spagna Andrea Carè

Rodrigo, Marchese di Posa Luca Salsi

Il Grande Inquisitore Ramaz Chikviladze

Un frate Adriano Gramigni

Elisabetta di Valois Anna Pirozzi

La Principessa d’Eboli Judit Kutasi

Il Conte di Lerma / un araldo reale Andrea Galli

Tebaldo/ una voce dal cielo Michela Antenucci

 

Direttore Jordi Bernàcer

Maestro del coro Stefano Colò

 

Orchestra dell’Emilia-Romagna Arturo Toscanini

Coro Lirico di Modena

 

Coproduzione Fondazione Teatro Comunale di Modena, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia e Fondazione Teatri di Piacenza

Dopo l’edizione in cinque atti dell’opera che Giuseppe Verdi approvò per la rappresentazione a Modena nel 1886 e che il Teatro Comunale ha prodotto nel 2012, ritorna Don Carlo per una nuova esecuzione dell’edizione in quattro atti, questa volta in forma di concerto e visibile solo in video a causa delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria. Il titolo, che sarà seguito in tutto il mondo nel contesto del progetto regionale OperaStreaming, porta sul palcoscenico modenese un cast d’eccezione diretto da Jordi Bernàcer alla guida dell’Orchestra dell’Emilia-Romagna Arturo Toscanini e del Coro Lirico di Modena. Filippo II è Michele Pertusi, acclamato come uno dei più grandi cantanti della scena lirica mondiale, applaudito di recente in Marin Faliero al Festival Donizetti di Bergamo, nel Don Carlos alla Wiener Staatsoper e nella Messa da requiem di Verdi con l’Orchestra del Teatro alla Scala diretta da Riccardo Chaillly. Luca Salsi (Rodrigo), uno dei baritoni più celebri del mondo, è stato protagonista di due inaugurazioni di stagione al Teatro alla Scala: nel 2017 nell’Andrea Chénier e nel 2019 nella Tosca. Nella stagione 2018/19 ha debuttato come Iago nell’Otello con i Berliner Philharmoniker, ha interpretato Macbeth con la direzione di Riccardo Muti, Germont ne La traviata all’Opéra de Paris e al Metropolitan di New York e Simon Boccanegra al Festival di Salisburgo. Soprano di prestigio internazionale, Anna Pirozzi è stata interprete in Andrea Chénier al San Francisco Opera, nel ruolo di Lady Macbeth a Madrid a fianco di Plácido Domingo e al Metropolitan Opera di New York, ne I due Foscari al Teatro alla Scala e nel Trovatore alla Royal Opera House di Londra. Il ruolo del titolo sarà affidato ad Andrea Carè, igà allievo a Modena di Raina Kabaivanska e di Luciano Pavarotti e oggi uno dei tenori italiani più affermati della nuova generazione. Nel 2018/19 è stato interprete in Carmen al Royal Opera House di Londra e al Bolshoi di Mosca e ha debuttato al Metropolitan Opera di New York in Madama Butterfly. La principessa d’Eboli sarà affidata a Judit Kutasi, mezzo soprano rumeno ascoltata al Teatro alla Scala di Milano, all’opera di Zurigo e di Berlino.