Periodici Musicali

Periodici musicali.jpg

L’archivio di periodici musicali italiani, raccolti dal CIRPeM tra il 1985 e il 2015, copre l’arco temporale dall’inizio del XIX secolo ai giorni nostri, e costituisce la maggior raccolta specializzata del settore oggi esistente in Italia. Questo patrimonio, ora conservato e gestito dal Settore Casa della Musica, inizialmente su microfilm e ora in formato digitale, esemplifica l’intero panorama dell’informazione di argomento musicale e musicale/teatrale, annoverando tutte le testate italiane più significative secondo la seguente classificazione: 
1) giornali musicali, testate che si occupano esclusivamente di musica nelle sue varie espressioni: dalla “Polinnia europea” (Bologna 1823) alla “Rassegna dorica” (Roma 1929-42);
2) giornali teatrali e giornali di agenzia, testate che si occupano in particolare dell’attività dei teatri: da “Teatri arti e letteratura” (Bologna 1824-63) alla “Rivista teatrale melodrammatica” (Milano 1863-1934); 
3) giornali miscellanei, nelle versioni quotidiana e periodica, che si occupano saltuariamente ma in modo significativo dell’attività musicale e musicale/teatrale: da “La fama” (Milano 1836-77) a “Il secolo illustrato” (Milano 1889-97); 
4) riviste musicologiche, che si rivolgono essenzialmente a un pubblico specializzato: dalla “Rivista musicale italiana” (Torino poi Milano 1894-1955) a “La rassegna musicale” (Torino 1928-62). 

I periodici di interesse musicale costituiscono una risorsa fondamentale per la ricerca storica sulla musica e le sue implicazioni economiche e sociali degli ultimi duecento anni. Il sistema produttivo ad essa legato ha costituito la prima “industria” italiana ben prima che maturasse l’idea dell’unità politica della Nazione, e ha comportato necessariamente lo sviluppo di un sistema comunicativo che ne diffondesse le realizzazioni. Dal XIX secolo, quando in Italia è nata una stampa periodica strettamente musicale e teatrale, è fiorita un’editoria specializzata che ha portato alla pubblicazione di centinaia di testate di varia durata e importanza. Per ovviare al rischio concreto della dispersione, del degrado e dell’obsolescenza di tale patrimonio di inestimabile rilevanza storica e culturale, e con lo scopo di promuoverne la conoscenza e la diffusione, il CIRPeM avviò la costituzione dell’Archivio e l’apertura al pubblico nel 1985.

Il progetto Periodici Musicali, avviato in collaborazione con Casa della Musica e con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali - Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti Culturali, ha portato alla digitalizzazione di questo importante patrimonio e alla sua pubblicazione tramite il portale di Internet Culturale realizzato dall'Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche. 

Per ulteriori informazioni sulle modalità di consultazione del patrimonio digitale: archivioteatroregio@lacasadellamusica.it